Fast Page e metriche Google per ottimizzare la navigazione

20 agosto 2020

Come ottenere l'etichetta Fast Page su Google Chrome

Quante volte abbiamo sentito dire e ribadire che la famosa UX di un utente su un sito web deve essere costantemente ottimizzata al fine di raggiungere la soddisfazione dell’utente stesso?
E quante volte abbiamo seguito a menadito le linee guida di google per avere sempre un sito aggiornato?

Sappiamo che il sito deve avere delle caratteristiche base per poter essere veramente ottimizzato: buoni contenuti, immagini di qualità, autorevolezza, layout responsive, ma soprattutto velocità di caricamento.

Quest’ultima sempre di più viene valorizzata, infatti presto Google Chrome per Android inserirà un’etichetta “fast page” che farà in modo che vengano riconosciuti i siti web con un ux veloce e reattiva.

L’etichetta sarà inizialmente disponibile in Google Chrome beta 85 o attivata dal flag chrome://flags/#context-menu-performance-info-and-remote-hints-fetching.

Ma come è possibile ricevere questa etichetta?

Grazie alle metriche Core Web Vitals che misurano l’usabilità del web, come il tempo di caricamento, la reattività e la stabilità del contenuto durante il caricamento della pagina web.

Queste tre metriche sono state introdotte a Maggio 2020 e sono:

-Largest Contentful Paint (LCP), ossia il tempo necessario per caricare il contenuto più pesante (largest) della pagina che si sta navigando. Più bassa sarà questa metrica, più la pagina risulterà ottimizzata

- First Contentful Paint (FCP), una metrica più generica che definisce il tempo che intercorre da quando la pagina inizia a caricarsi fino a caricamento completo.

- Cumulative Layout Shift (CLS) che misura tutti i cambiamenti di layout che si verificano durante la durata della visita ad una pagina.

 

“L'etichettatura "Fast Page" può contrassegnare un link come veloce se l'URL è storicamente veloce per gli altri utenti. Quando si esegue l'etichettatura, i dati storici degli URL di un sito con struttura simile vengono aggregati insieme. I dati storici vengono valutati host-by-host quando i dati dell'URL sono insufficienti per valutare la velocità o non sono disponibili, ad esempio, quando l'URL è nuovo o meno popolare.”

L’azienda di Mountain view ha affermato che se l’etichettatura rapida si rivelerà utile per gli utenti, nel tempo questa si potrà utilizzare in altre parti dell’interfaccia utente.

 

Conclusioni:

Per avere un sito con una buona navigazione per l’utente, le metriche da tenere d’occhio sono diverse.
Farsi aiutare da chi è più competente in materia ci consente di essere sempre aggiornati sulle novità e sicuramente aiuta nel raggiungimento dell’obiettivo in minor tempo.

Alcuni strumenti che ci possono essere d'aiuto in questo monitoraggio sono i seguenti tool:

 

Vuoi rimanere informato sul blog di Nimaia?

Nimmaia skill

Contattaci

Daremo forma al tuo progetto


Scrivici, conosciamoci, collaboriamo



Contatti principali

tel: +39-0541-775906

lu-ve, 10:00-12:00 / 15:00-17:00

info@nimaia.it