Rivoluzione Privacy: il nuovo Regolamento Europeo

25 maggio 2017

Tra 1 anno esatto entrerà in vigore il nuovo Regolamento Europeo in Materia di Protezione dei Dati Personali.
Una piccola rivoluzione che deve essere intesa come un'opportunità di migliorare i propri processi aziendali interni, con lo scopo di capitalizzare il valore insito nei dati che ogni azienda ha in mano e non sempre sfrutta nel modo più adeguato.
Si rende necessario pianificare un processo graduale per poter arrivare pronti al prossimo 25 maggio 2018, ciò significa iniziare immediatamente a muoversi in tale senso.
Il Regolamento entrerà infatti in vigore contemporaneamente in tutta Europa, possiamo dunque dimenticare l'approccio tutto italiano di fare affidamento su deroghe o rinvii.

Ecco in estrema sintesi gli elementi di novità della nuova legge: 






  • E' ammesso ottenere un consenso in modo più dinamico. La raccolta sarà più semplice e più ricca di contenuti ma al contempo è richiesta una gestione più attenta e i dati dovranno sempre essere accompagnati da una data di scadenza.
  • L'informativa dovrà essere sintetica, specifica e comprensibile, a vantaggio di tutti. 
  • Nascono nuovi doveri per le aziende per rispondere a nuovi diritti di tutti gli utenti:
    - diritto all'oblio
    - diritto alla limitazione di trattamento
    - diritto alla portabilità dei propri dati
  • La gestione dei dati personali diventa quindi un processo aziendale a tutti gli effetti, soggetto ad obblighi specifici di cui è responsabile il titolare. Tra questi, la necessità di rispondere adeguatamente ai nuovi criteri di:
    - Accountability
    - Data protection by default e by design
    - Gestione del rischio
  • La sicurezza dei sistemi diventa quindi a pieno titolo una priorità, anche perché è stato introdotto l'obbligo di notifica di qualunque violazione dei dati personali che comporti un rischio per gli interessati. 

Per approfondimenti potete visitare il sito garanteprivacy.it, in particolare la GUIDA di applicazione al Regolamento e la PAGINA INFORMATIVA.

 

Condividi l'articolo!