INP prenderà il posto del FID come metrica Core Web Vitals

Il parametro Interaction to Next Paint (INP) sostituirà il First Input Delay (FID) come metrica Core Web Vitals a partire da Marzo 2024.

A comunicarlo ufficialmente è stato lo stesso Google con largo anticipo al Google I/O, la conferenza annuale di Google dedicata agli sviluppatori, evento che attira anche moltissimi curiosi ed appassionati dei prodotti dell’azienda americana.

Google Search Console inizierà a mostrare il valore dell’ Interaction to Next Paint (in italiano interazione fino alla successiva visualizzazione) nel report Core Web Vitals entro fine 2023 in maniera tale che gli addetti ai lavori possano prendere confidenza con il “nuovo” parametro.


Ma che cos'è l’INP, Interaction to Next Paint?

È una metrica che valuta la reattività di una pagina web.

L’Interaction to Next Paint o INP è la metrica che valuta la reattività di una pagina, registrando la latenza di tutte le interazioni durante l’intero ciclo di vita della pagina; l’INP della pagina è definito come il valore più alto di queste interazioni o il valore più vicino al più alto per le pagine con molte interazioni.

Un valore INP poco elevato è la prova di una pagina sempre reattiva in maniera costante.

 

L’affidabilità del parametro è data dal fatto che la misurazione avviene su tutte le interazioni della pagina, non solo dunque la prima, motivo per cui INP viene anche definita come “reattività di runtime” per differenziarla dalla semplice reattività di caricamento.

Un esempio di scarsa reattività di una pagina è rappresentato dal clic su un menù a tendina o a fisarmonica. Alta reattività permette l’apertura del menu istantaneamente al clic, mentre una scarsa reattività porta a un’apertura ritardata del menu, con potenzialmente molti clic dell’utente sul menu che provoca aperture e chiusure del menu ritardate o impreviste.

Come impatta il parametro INP sul posizionamento organico su Google?

A rispondere a questa domanda è Martin Splitt, punto di riferimento del gruppo Google Webmaster Trends:

“Una buona esperienza sulla pagina fa parte del sistema di classificazione principale generale di Google. Anche se i segnali web essenziali non sono considerati un fattore di ranking diretto, è un modo in cui puoi provare a capire se stai ottenendo una buona esperienza sulla pagina”.


Conclusioni

Google sostituirà la metrica FID con la metrica INP come parte dei Core Web Vitals a partire da Marzo 2024.

Google Search Console includerà INP nel report Core Web Vitals entro la fine dell'anno.

Al di là dell’importanza che può avere questo parametro, un sito reattivo è sempre stata la chiave per una buona esperienza di navigazione, senza avere la necessità di uno strumento di terze parti per accorgersene; è importante garantire agli utenti la migliore esperienza di navigazione possibile senza essere ossessionati dal perseguimento dell’eccellenza in questa parametri, che possono però fornire spunti interessanti per ottimizzare al meglio le performance del proprio sito.


Fonte: Search Engine Land

https://searchengineland.com/google-replace-fid-inp-core-web-vitals-414546

Le ultime dal blog

Nimaia presente al SIGEP 2024 - Web marketing e lead generetion settore Pasticceria

Per un'azienda come Nimaia che ha la propria sede operativa a Rimini, il polo fieristico presenta spesso occasioni preziose per ricercare nuove opportunità e spunti, considerando che il mondo del digital si sta diffondendo sempre più in molteplici settori, anche quelli storicamente più indietro nella digitalizzazione. A questo proposito Nimaia ha presenziato alla ormai celebre fiera internazionale Sigep a Rimini, dedicata al settore del Gelato Artigianale e all'Arte del Dolce. ...
leggi tutto